Diario politico

di Maurizio Ambrogi Caporedattore interni Tg3

  • Saranno tecnici i ministri scelti da Monti, ma certo bisogna ammettere che in qualche caso hanno già impresso una bella svolta politico/culturale al dibattito sui temi di loro competenza. Sarà un tecnico la ministra della Giustizia Paola Severino, che come primo atto ha affrontato l’emergenza carceri, ignorata per anni dal precedente governo, alle prese con altre urgenze. E ha preso di petto la questione amnistia, rompendo un tabù che solo Napolitano aveva avuto il coraggio di infrangere qualche mese fa su sollecitazione di Pannella. Sarà un tecnico il ministro per l’Integrazione Andrea Riccardi, che ieri ha visitato il campo Rom di Torino devastato da un gruppo di teppisti con un’azione che assomiglia terribilmente a un pogrom d’altri tempi. Un tecnico che sta riportando il dibattito sull’immigrazione in un ambito di tolleranza e accoglienza che sembrava perduto. A volte basta staccare la spina alla furia ideologica per ritrovare il buon senso. Forse, appunto, era un lavoro da tecnici.

  • Ogni volta che Pannella annuncia uno sciopero della fame, la prima reazione di tutti oscilla fra indifferenza e fastidio. Il solito Pannella, eccheppalle, e chi se ne importa, e perché deve imporre le sue manie col solito ricatto del corpo sofferente. Dopo un po’ qualcosa si muove: le sue condizioni peggiorano, c’è il ricovero, occuparsene diventa inevitabile.

    Leggi tutto…

  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Foto Blogger

Calendario

    novembre: 2017
    L M M G V S D
    « mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930