Diario politico

di Maurizio Ambrogi Caporedattore interni Tg3

  • Probabilmente sulle liberalizzazioni il governo Monti poteva fare di più. Ma probabilmente (e alla luce dei risultati non esaltanti ottenuti dai liberali immaginari che lo hanno preceduto)  poteva fare molto meno. Discussione oziosa, comunque, e viziata da un modello di valutazione politica che sembra improvvisamente invecchiato. 

    Leggi tutto…

  • Dietro lo scontro in atto nella Lega fra Maroni e il cosiddetto “cerchio magico” c’è molto di più che una battaglia di potere per il controllo del partito. In qualche modo sta venendo al pettine la contraddizione di fondo di un movimento che è cresciuto vertiginosamente al Nord ed aveva cominciato a mettere piede persino in Emilia o in Toscana, e tuttavia non è riuscito a portare a termine nessuna delle battaglie per le quali aveva stretto una alleanza con Berlusconi e con il Pdl.

    Leggi tutto…

  • Il naufragio della Costa Concordia, per mano del suo comandante fellone e pasticcione, ha suggerito a molti un paragone con l’altra navigazione in corso, assai più pericolosa, quella del governo guidato da un capitato ben altrimenti serio ed esperto. Due immagini dell’Italia al confronto, rigore e cialtroneria, serietà e arroganza, competenza e approssimazione. Al di là delle suggestioni, e restando alla politica pura, questi due mesi di governo dei tecnici (che tuttavia è pienamente politico) hanno già profondamente cambiato lo scenario e messo in un cono d’ombra i partiti, facendoli forse pentire di aver disdegnato un ingresso diretto nel governo. Insomma, chi nei partiti pensava al governo tecnico come una breve parentesi, una fase passeggera da guidare e condizionare, forse si sta già ricredendo. Questo governo, per diversi motivi, è destinato a cambiare profondamente il quadro politico.  Leggi tutto…

  • E’ la disfida del cotechino, o la polemica del tortellino, è l’ultimo (grottesco) capitolo dell’eterno scontro sui costi della politica, nel caso specifico sull’uso privato delle risorse pubbliche. L’attacco arriva da Calderoli, che chiede a Monti spiegazioni per aver organizzato un veglione a Palazzo Chigi a spese del contribuente. La risposta è immediata, e puntigliosamente ironica: nessuna festa a Palazzo Chigi, il 31 dicembre, solo una tranquilla cena di famiglia, con figli e nipotini, con pietanze acquistate, preparate e servite dalla signora Monti.

    Leggi tutto…

  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Foto Blogger

Calendario

    gennaio: 2012
    L M M G V S D
    « dic   feb »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031